Pubblicato
Scritto da
Categorie
News ~
Tag
abdicato ~ giapponese ~ imperatore ~

L’imperatore Akihito, 85 anni, ha abdicato al Trono del Crisantemo lasciando la corona al principe Naruhito, suo primogenito. L’ultimo imperatore della storia della casa reale ad aver rinunciato al trono fu Kokaku nel 1817.

 

“In 30 anni di governo ho adempiuto ai miei doveri di imperatore con un profondo senso di fiducia, rispetto e affetto per il mio popolo” ha annunciato Akihito in un breve commento durante la sobria cerimonia che si è tenuta nella Sala del Pino, all’interno del palazzo imperiale di Tokyo “Apprezzo profondamente il popolo giapponese, che mi ha accettato e sostenuto come suo simbolo”.

 

La cerimonia di abdicazione

La figura dell’imperatore, una volta considerato un semidio, adesso è diventata simbolica. Akihito ha infatti cambiato profondamente l’immagine della casa reale giapponese: è stato il primo sovrano ad utilizzare un linguaggio ordinario, il primo a sposare una non-nobile, il primo ad avvicinarsi al popolo. Insieme a sua moglie, l’imperatrice Michiko, l’imperatore ha visitato la regione del Kobe nel 1995 dopo il terremoto che uccise quasi 6500 persone, inginocchiandosi di fronte ai sopravvissuti. Dopo lo tsunami e il conseguente disastro nucleare del 2011, il sovrano chiese al suo popolo di restare unito in diretta tv nazionale, infrangendo ogni regola della tradizione reale nipponica. Il Primo Ministro Shinzo Abe ha espresso i suoi ringraziamenti “Sua Maestà l’imperatore, insieme a Sua Maestà l’imperatrice, sono sempre rimasti vicino alla popolazione per supportare le vittime dei disastri e hanno condiviso il loro dolore.”

 

imperatore
Il principe Naruhito e la principessa Masako giungono al Palazzo Reale – Tokyo

Anche se Naruhito è diventato automaticamente imperatore dopo l’abdicazione, verrà data una cerimonia ufficiale in suo onore Mercoledì mattina alla presenza di un ristretto gruppo di personalità del governo e delle principali rappresentanze politiche, durante la quale riceverà i sacri fregi reali. L’abdicazione di oggi ha segnato la fine dell’era Heisei, il nome del regno scelto quando Akihito è salito al trono, aprendone una nuova di armonia e fortuna chiamata Reiwa.