Pubblicato
Scritto da
Categorie
Case Study ~
Tag
buzzword ~ trend 2019 ~

Avete presente quegli hashtag che affollano il vostro feed? Ogni anno vengono coniati nuovi termini e alcuni di questi, per quanto fastidiosi, finiscono anche sul dizionario Treccani a causa del largo uso che se ne fa (l’intramontabile petaloso ad esempio). Quelli di The Content Strategy hanno individuato i nuovi tormentoni del 2019 che dovete assolutamente conoscere se volete stare al passo con i vostri amici Zillennial. zillennial

Nano influencer

Il settore del social advertising è in costante evoluzione: fino ad oggi le aziende hanno rincorso i vip dei social media per pubblicizzare i loro prodotti, ma un nuovo trend è in arrivo dagli Stati Uniti e sembra proprio che i brand vogliano puntare sulle capacità di persuasione degli utenti ordinari. Stiamo parlando dei nano influencer, persone che hanno un numero di follower molto contenuto, tra i 1000 e i 5000. Le aziende hanno  riconosciuto il loro potenziale e hanno compreso che gli utenti accettano più volentieri consigli da persone comuni come loro. I nano influencer sono anche più accessibili e richiedono un investimento minore da parte delle aziende, che spesso li retribuiscono con micro pagamenti. Insomma, se fare l’influencer è considerato un vero e proprio lavoro, come tutti i lavori creativi deve vedersela con i “beginner” che offrono gli stessi servizi a pochi euro.

zillennial

Digital Transformation

Quando mi capita di imbattermi in questo termine, penso automaticamente alla parola dinamico. Spesso capita di trovarla inserita negli annunci di lavoro, ma vuole dire davvero qualcosa, o la usiamo in mancanza di veri contenuti?

zillennial
Rappresentazione di un’azienda dinamica.

“La Digital Transformation garantisce la semplificazione della quasi totalità dei processi, riducendo le ridondanze e gli errori legati ad attività manuali”. Più semplicemente, la trasformazione digitale non è altro che l’integrazione di tecnologie digitali in tutte le aree di un’azienda, che servono a renderla più competitiva. Purtroppo c’è molta confusione su questo termine e come accade spesso con le espressioni vaghe, viene fraintesa e utilizzata erroneamente dai CEO delle aziende per darsi un tono.  La digital transformation implica un cambiamento profondo nel modo di pensare e si concretizza solo continuando a sostenere l’innovazione degli strumenti aziendali. Se vuoi approfondire l’argomento, questo articolo di The Enterprisers Project è molto esaustivo.

Zillennial

Quest’anno potresti avere colleghi nati tra il 1997 e il 1998. Loro sono i Zillennial, una nuova generazione che non si riconosce né in noi Millennial, che ormai siamo dei vecchi di 30 anni, né con la Generazione Z, che considera ancora troppo giovane e immatura. Hanno addirittura un intero blog dedicato a loro, dove trattano problematiche relative al mercato del lavoro per i giovani e alla nuova vita da adulti che li aspetta. I brand ovviamente non hanno perso tempo e adesso che li hanno individuati come loro nuovo target, probabilmente sentirai parlare di questa generazione incastrata tra due mondi più volte al giorno.

checkout

Shoppable post

Instagram ha lanciato la funzione Checkout: attualmente disponibile solo negli USA, semplifica il processo di acquisto sulla piattaforma rendendo i prodotti disponibili direttamente dall’app. Anche se in Italia non è ancora attiva, possiamo servirci comunque degli shoppable post. Una volta attivato il profilo aziendale su Instagram e averlo associato ad un catalogo Facebook, sarà possibile taggare in una foto un massimo di 5 prodotti. Cliccando sul tag si può avere una visualizzazione dettagliata del prodotto e a questa descrizione viene aggiunto un link per acquistare il prodotto. Basterà cliccare su questo link per accedere al sito dell’azienda e terminare l’acquisto. È innegabile che gli shoppable post siano uno strumento di grande valore per le aziende e sarà sempre più semplice attirare nuovi clienti dopo l’introduzione di Checkout. In fondo le immagini su Instagram migliorano la nostra percezione della realtà e si punterà per questo su uno shopping sempre più impulsivo.