Pubblicato
Scritto da
Categorie
Case Study ~

PewDiePie, Kylie Jenner, Zach King e poi ancora Chiara Ferragni, Clio MakeUp, Nicolò Balini.

Li hai sentiti nominare, li vedi ovunque: sono gli influencer.

 

Fare una stima di quanto guadagnano non è semplice, molto dipende dai numeri della loro community: ci sono i micro influencer, con un numero di follower sui 100.000 e i macro influencer con più di 500.000. Anche la nicchia di specializzazione rientra nell’equazione, perché un travel influencer ha bisogno di raggiungere almeno il milione di follower per essere considerato un’icona, mentre un esperto di SEO come Matthew Barby è già tale con un seguito di soli 14.000 follower su Twitter. Chi desta più curiosità però, sono sicuramente le celebrities come la Ferragni o Kim Kardashian, i cui profili Instagram oltre a superare il milione di follower hanno anche un alto tasso di engagement.

Influencer Marketing

E quindi, quanto guadagna un’influencer come Kim Kardashian? Ce lo spiega Montemagno in questo video:

Secondo il Guardian, la famiglia Kardashian in media può chiedere mezzo milione di dollari per un singolo post sui social. Un brand – in questo caso un fantomatico brand di cappellini – può contattare Kim Kardashian offrendole mezzo milione di dollari per un post su Instagram in cui indossa il loro prodotto. La Kardashian ha un seguito di 100 milioni di follower, ma solo 40 milioni di loro vedranno la foto scrollando il proprio feed (questo perché Instagram ha una reach del 40%). Ipotizzando un tasso di conversione dello 0,5%, circa 200 mila persone acquisteranno quel cappellino. E se il cappellino ha un costo di 20 dollari, il brand ha guadagnato 4 milioni investendone solo mezzo milione.

 

Viene da sé che la domanda giusta non è quanto guadagna un influencer, ma quanto FA guadagnare. In un mercato sempre più in espansione, valutato ad oggi dai marketer intorno al miliardo di dollari, tutte le aziende dovrebbero rivolgere un occhio di riguardo a queste nuove “celebrità”. Anche tu puoi scegliere di inserire l’influencer marketing nella tua strategia: non importa quale sia il tuo campo, troverai quasi sempre un influencer adatto per pubblicizzare il tuo brand e non hai bisogno di coinvolgere necessariamente Kim Kardashian per raggiungere i tuoi obiettivi.

Lavorare con gli influencer

Secondo Glossariomarketing.it “l’influencer è un individuo con un più o meno ampio seguito di pubblico che ha la capacità di influenzare i comportamenti di acquisto dei consumatori in ragione del suo carisma e della sua autorevolezza rispetto a determinate tematiche o aree di interesse”. Questa autorevolezza, conferitagli da un cospicuo numero di follower, determina che oggi gli utenti si fidino delle opinioni di questa figura su un’ampia varietà di argomenti, compresa la validità del tuo brand.

 

influencer

 

Già, perché oggi le persone vogliono comprare dalle persone: il comportamento di noi consumatori è cambiato nel corso degli anni, skippiamo le pubblicità, non ci interessano più i messaggi promozionali invasivi delle grandi aziende senza volto. Tendiamo a dare più credito alle recensioni di amici e familiari quando si tratta di acquistare un prodotto o un servizio. Ma questo sondaggio di Twitter rivela che allo stesso tempo, il 49% delle persone ascolta anche il parere degli influencer più importanti.  Di seguito troverai alcuni consigli su quali strumenti usare e su come sfruttare al meglio il potenziale delle relazioni con gli influencer.

 

Articoli in regalo

influencer

 

Uno dei metodi migliori per attirare l’attenzione di un influencer è regalargli un tuo prodotto. Anche perché, chi non ama ricevere roba gratis? Inizia con lo stilare una lista di influencer che fanno al tuo caso, ma non focalizzarti sui grandi numeri: ricorda che un piccolo influencer spesso ha una community più attiva, perché è più facile mantenere alto il tasso di engagement quando il numero di utenti è ancora contenuto. Inoltre, non essendo abituato a ricevere tutti i giorni articoli gratuiti, sarà ancora più invogliato a scrivere o girare una recensione e ciò non farà che aumentare la tua reputazione online

 

La relazione con l’influencer però deve essere coltivata e incoraggiata nel tempo. Non aspettarti che la tua richiesta venga accolta con entusiasmo se invii la stessa email impersonale a tutti. Commenta, lascia un like e qualche contributo valido sotto i suoi post e i risultati non tarderanno ad arrivare!

 

Post sponsorizzati e Guest post

Questi due strumenti hanno più successo con i blogger: per quanto riguarda il post sponsorizzato, l’influencer viene pagato per scrivere un articolo sul tuo brand. Puoi inviare una bullet list con i punti salienti da coprire nel post, ma devi lasciare la possibilità al blogger di esprimersi liberamente: lui conosce la sua audience meglio di te. Nel secondo caso, sarai tu a scrivere un post sulla piattaforma dell’influencer: in questo modo, acquisterai la fiducia del suo pubblico, che ti riconoscerà come una fonte abbastanza valida da essere riuscita ad ottenere uno spazio sul blog. Anche questo tipo di approccio, come l’invio dei regali, richiede di investire un bel po’ di tempo in una ricerca online. Il blogger solitamente accetta di pubblicare guest post? Di quali argomenti si occupa? Rispondi a queste domande prima di inviare una richiesta di collaborazione.

 

Giveaway

Con i giveaway è fondamentale che l’influencer da te scelto si rispecchi totalmente nell’identità del tuo brand: gli utenti potrebbero non essere particolarmente invogliati a partecipare se il prodotto non è di loro gusto, anche se hanno la possibilità di ottenerlo gratuitamente! Le regole per organizzare un buon giveaway sono semplici, così come dovrebbero esserlo quelle che invitano gli utenti a partecipare. Non aggiungere troppi passaggi, chiedi ad esempio di condividere una foto del tuo prodotto su Instagram insieme ad un hashtag personalizzato per l’evento. Ascolta sempre poi i consigli dell’influencer e offri qualcosa che valga davvero la pena vincere.

Conclusione

Quello degli influencer è un mercato relativamente nuovo e in costante fermento. Imparare ad approcciarsi nel modo migliore a questa disciplina può aiutarti ad aumentare la tua brand identity: affida il lavoro a un influencer che condivide i tuoi valori, perché sarà il portavoce del tuo brand verso il suo pubblico!