Pubblicato
Scritto da
Categorie
Attualità ~ News ~

Secondo la Forbes 400, Bill Gates ha ceduto il primato di uomo più ricco del mondo a Jeff Bezos per la prima volta dal 1994. Ma la sua storia di successo trascende qualsiasi classifica ufficiale: Bill Gates resta una delle figure più influenti del nostro tempo.

Gli inizi

William Henry Gates III è nato a Seattle il 28 Ottobre 1955: i genitori lo incoraggiarono sin da bambino ad essere competitivo e a raggiungere l’eccellenza in ogni campo. A 13 anni si iscrisse alla prestigiosa Lakeside School, un istituto privato che gli diede la possibilità di usare il primo computer della sua vita, un DEC PDP-10. Ma ancora più importante, qui incontrò l’amico e futuro co-fondatore di Windows Paul Allen.

 

“Studiare alla Lakeside è stata una delle cose migliori che mi sia capitata. Una delle ragioni per cui le sono così grato è che posso rintracciare i primi passi della fondazione di Microsoft ai miei primi giorni qui” – discorso tenuto da Bill Gates alla Lakeside nel 2005.

 

Nel 1968, la scuola allontanò Bill Gates, Paul Allen e altri due studenti (futuri programmatori di Microsoft) dal computer affittato dalla Computer Center Company per un certo numero di ore di utilizzo: non avevano considerato l’entusiasmo di Bill e dei suoi amici, che consumarono tutto il tempo disponibile in poche settimane. Dopo l’episodio, la scuola si accordò con una nuova società per fornire un altro computer a completa disposizione degli studenti. Sarà proprio questo evento a gettare le basi per la carriera da programmatori dei due amici, che ancora adolescenti fondarono la Traft-O-Data (progettarono un computer per misurare il traffico stradale), ribattezzata Microsoft tre anni dopo. Nell’autunno del 1973, Bill si iscrisse alla facoltà di legge di Harvard, ma la sua carriera universitaria durò solamente un anno: Paul Allen lo convinse che era in atto una rivoluzione tecnologica e gli mostrò un articolo della rivista Popular Electronics sul primo microcomputer in commercio, l’Altair 8800.

 

“Quando Paul mi mostrò quella rivista, non esisteva ancora un’industria del software, ma avevamo intuito che potessimo crearne una. E lo abbiamo fatto. È stata l’idea più importante che abbia mai avuto”. – Bill Gates in What I loved about Paul Allen

 

Dopo un lavoro frenetico durato settimane, Bill e Paul svilupparono un software per la MITS, società produttrice dell’Altair. Il software venne successivamente acquistato e commercializzato con il nome di Altair BASIC.

La nascita di Microsoft

Dopo il successo del software per Altair, Bill e Paul si trasferirono ad Albuquerque e fondarono ufficialmente la Microsoft il 4 aprile del 1975. La MITS chiuse i battenti subito dopo, mentre i due avevano già iniziato a scrivere software per altre startup come Commodore, Apple e Tandy Corp. Successivamente, il duo trasferì l’azienda a Seattle nel 1979: quando Gates venne a conoscenza che la IBM non riusciva ad ottenere un sistema operativo per il suo nuovo PC, acquistò un sistema operativo esistente da una piccola azienda per $50,000 che sarebbe stato alla base del futuro MS-DOS. Gates riuscì anche ad ottenere un accordo di licenza non esclusivo, che gli consentì la possibilità di rivendere il prodotto. I primi PC targati IBM vennero rilasciati e altre aziende iniziarono ad acquistare l’MS-DOS come sistema operativo, perché era più economico che produrne uno nuovo. Come conseguenza, l’MS-DOS divenne il sistema operativo standard dell’industria informatica, innalzando vertiginosamente le vendite della Microsoft. Tuttavia, la concorrenza non era da meno: la Apple introdusse il primo Macintosh nel 1984 e l’interfaccia grafica si rivelò molto più intuitiva rispetto al programma di Microsoft. A questo punto Gates rispose alla minaccia annunciando un nuovo sistema operativo grafico.

Windows

Windows 95Inizialmente Windows  non disponeva di un gran numero di funzionalità ed era solo un’estensione dell’MS-DOS, condividendone i problemi e i limiti. Inoltre la Apple non fu esattamente entusiasta, accusando la Microsoft di aver copiato il sistema operativo Macintosh. Il caso venne portato avanti fino a metà anni ‘90, quando il tribunale dichiarò le accuse di Apple infondate.

 

“Sia io che Steve abbiamo beneficiato del lavoro della Xerox PARC che ha creato l’interfaccia grafica. Non sono stati gli unici, ma hanno fatto il lavoro migliore. Steve assunse Bob Belville, io assunsi Charles Simonyi. Non abbiamo violato i brevetti di Xerox, ma il loro lavoro ha spianato la strada per quello di Mac e Windows.” – Bill Gates durante un evento Reddit “Ask Me Anything” del 2017

Gli sviluppi di Windows

Negli anni successivi, Gates e Allen lanciarono nuove versioni del programma, compiendo un decisivo passo in avanti: con Windows 2.0 fu possibile sovrapporre per la prima volta le finestre sullo schermo, inoltre la gestione della memoria era nettamente più avanzata rispetto alla prima versione dell’OS. Windows 3.1 raggiunse un enorme successo commerciale con l’introduzione del File Manager, che permise agli utenti di accedere rapidamente ai file presenti sul dispositivo. La grande svolta arrivò nel ’95 con il lancio di Windows 95: 7 milioni di copie furono vendute solo nelle prime settimane dalla sua uscita e si diffuse rapidamente grazie alla grafica innovativa che semplificava di molto l’utilizzo del PC rispetto alle precedenti versioni e agli altri sistemi operativi concorrenti. Il monopolio di Gates subì molte accuse da parte dei competitor, che lo accusarono di usare il suo sistema operativo per rallentare lo sviluppo di nuove tecnologie: dal Novembre 1999 infatti, la Microsoft è stata oggetto di numerose indagini condotte dalla Commissione Europea a riguardo. Negli anni 2000, Bill Gates lasciò il suo ruolo di amministratore delegato della società assumendo la carica di architetto capo del software, abbandonando definitivamente il suo lavoro quotidiano alla Microsoft per dedicarsi a tempo pieno alla Fondazione Bill & Melinda Gates, fondata insieme a sua moglie.

Impegno umanitario

 

Bill & Melinda Gates FoundationL’impegno umanitario di Bill Gates e di sua moglie Melinda non è sicuramente un mistero. I due coniugi hanno donato più della metà della loro ricchezza in beneficenza.

 

“Non direi che il mio lavoro possa essere definito rivoluzionario. Credo nell’innovazione radicale, questo sì. Credo nel sogno di sradicare la poliomielite, di debellare la malaria e in altri obiettivi di progresso. Ma la parola rivoluzionario attiene ad altri ambiti. E comunque, io non sono neanche il primo filantropo. Penso a gente come Carnegie o Rockefeller”. – Intervista a Bill Gates per il Corriere della Sera, 2016.

 

Nel 2002 la Fondazione donò 47000 PC in 11000 biblioteche americane. Già in quegli anni, il 95% delle biblioteche era provvisto di computer con accesso ad Internet. Nel 2010 la fondazione stanziò 10 miliardi di dollari per diffondere l’utilizzo dei vaccini nei Paesi più poveri.

Programmatore e Businessman

L’ascesa al successo di Bill Gates può essere spiegata solo attribuendo alla sua figura un innato talento per la programmazione e per gli affari. Ha reso MS-DOS il sistema operativo più diffuso al mondo – e quindi tra i suoi competitor, ma la sua forza sta anche nell’interesse che ha avuto verso il software come proprietà intellettuale, da commercializzare. Non solo, aveva intuito l’importanza del content marketing prima degli altri: nel 1996 pubblicò un saggio sul sito web della Microsoft intitolato “Content is king”, nel quale sosteneva che il contenuto sarebbe stato in futuro il principale mezzo per guadagnare soldi online. Per usare le sue parole, “chiunque abbia un PC e un modem può pubblicare su Internet qualsiasi tipo di contenuto”. Un’affermazione banale oggi quanto rivoluzionaria negli anni ’90. Ed è proprio qui che va ricercato il motivo del suo successo, nel suo essere un innovatore che ha cambiato per sempre l’industria informatica.